Gu’ Creative Taste

Contaminazioni di sapori e culture, creatività e sperimentazione, divertimento e curiosità. Il termine “fusion” tanto di moda negli ultimi anni non riuscirebbe a rendere a pieno la cucina sperimentale e creativa  di Gustavo Vandsberg e del suo Gu’ Bergamo. Brasiliano, 35 anni, una laurea in ingegneria, ha mollato tutto per seguire il suo sogno di diventare uno chef e trascorrere la propria vita davanti ai fornelli anziché dietro ad una scrivania. Bergamo e in particolare piazzetta Pesci è l’ultima tappa di un viaggio che lo ha portato nelle cucine di tutto il mondo, in cui ha potuto conoscere e sperimentare cucine e sapori diversi arricchendo il proprio bagaglio di esperienze e conoscenze.

Sashimi

E proprio la ricerca di armonia tra sapori appartenenti a culture apparentemente agli antipodi, la marca della cucina di Gustavo Vandsberg. Caratteristica che si riscontra in tutte le sue creazioni culinarie, dal sushi alle zuppe, dagli antipasti ai dolci. La base di partenza è sempre la cucina giapponese, ma il risultato finale è quasi sempre un azzardo che però non manca mai di sorprendere in maniera positiva, perché il sapore resta il protagonista indiscusso di ogni pietanza.

Gu'Creative Taste

A chi sarebbe mai venuto in mente di abbinare il latte di cocco alla salsa umeboshi? Ebbene, al Gu’ Bergamo è possibile assaporare la Casquinha de Siri, ovvero polpa di granchio e latte di cocco, un piatto tipico della tradizione brasiliana, servito con l’umeboshi, il tipico condimento giapponese a base di prugne fermentate e lo shiso. Stesso discorso vale ad esempio per i Tara gyoza, ravioli di baccalà e patata americana alla piastra, abbinati ad una riduzione di salsa ponzu, o, per i classici maki che, al Gu’ Bergamo, diventano Gu’ maki, dove il salmone, il tonno e i gamberi incontrano l’avocado e il Tobiko allo yuzu. Da provare è anche il Minas: salmone, avocado e tartare di salmone con salsa teriyaki.

Per chi ama farsi sorprendere, infine, è da consigliare il Sampa, ovvero, un sorprendente gambero in tempura con cream cheese, mango, salmone scottato e salsa gazpacho.

Nei piatti proposti dallo chef Gustavo Vandsberg si incontrano Giappone e Brasile, ma anche Francia, Stati Uniti e Italia in un mix di sapori, colori e profumi che rendono la cena un’esperienza culinaria a 360 gradi, in un’atmosfera sofisticata, ma rilassata. Il ristorante, situato in pieno centro cittadino a pochi passi dalle vie dello shopping, è moderno ma accogliente.

I prezzi non sono quelli dell’all you can eat, ovviamente, ma il rapporto qualità prezzo (solo materie prime freschissime e trattate con estrema cura e rispetto) è più che soddisfacente. In media una cena al Gu’ Bergamo può costare tra i 35 e i 50 euro a persona.

L’articolo Gu’ Creative Taste sembra essere il primo su Sushiando.

Altre ricette simili a questa:

VAI ALLA RICETTA


Nessun commento...

Inserisci un Commento

Devi effettuare il Login per inserire un commento.