Gelo di mandarino su frolla alla cannella




Sono davvero soddisfatta della ricetta di oggi, perché profuma di Sicilia e di agrumi, ma anche di inverno e di cannella: gelo di mandarini su frolla alla cannella. Inoltre, se userete la farina di riso al posto della farina 00 nella pasta frolla, è anche un dolce senza glutine, che soddisferà ogni palato grazie al suo gusto pieno, tra l’agro dei mandarini, la morbidezza del gelo, la burrosità della frolla, il sentore di cannella. Se preferite (o semplicemente non avete voglia di fare la pasta frolla) potete mettere il gelo in coppette individuali, servirlo guarnito da pistacchi tostati e gustarlo così, esattamente come per il gelo di anguria (provatelo questa estate, mi raccomando!). Un paio di consigli: scegliete mandarini freschissimi e assaggiateli per capire quanto zucchero mettere nel gelo. Io vi do una dose tra 150 e 200 grammi di zucchero per litro perché il gelo non deve perdere il sapore leggermente acidulo caratteristico di questi agrumi. Ancora, preparate il gelo il giorno prima e conservatelo in frigorifero. Infine, non cuocete troppo la pasta frolla: questa è un po’ più ricca di burro del solito, in modo che sia friabile, e se la cuocete troppo diventerà dura. Mi sembra di avervi detto tutto. Buona giornata!

Ingredienti per 10 monoporzioni

    per il gelo di mandarino

  • un litro di succo di mandarino
  • 150-200 grammi di zucchero semolato (in base alla dolceza dei mandarini)
  • 90 grammi di amido di mais (maizena)

per la frolla alla cannella

  • 150 grammi di farina 00 (o di riso per una frolla senza glutine)
  • 70 grammi di burro freddo
  • 50 grammi di zucchero
  • cannella, quanto basta
  • un pizzico di sale
  • un tuorlo

Dovete preparare il gelo il giorno prima, perché deve avere il tempo di rassodare in frigorifero. Lavare i mandarini e spremerli, quindi filtrate il succo in un colino a maglie fitte per eliminare ogni residuo di polpa. Setacciare l’amido di mais e aggiungere lo zucchero, quindi iniziare ad aggiungere il succo di mandarino, poco per volta, mescolando con una frusta finché l’amido e gli zuccheri non si saranno completamente sciolti. Aggiungere tutto il succo di mandarino e cuocerlo a fuoco basso e sempre mescolando (se non mescolerete sempre si attaccherà irrimediabilmente sul fondo) fino a ebollizione. A questo punto il succo dovrebbe essersi rappreso e avere una consistenza densa e vischiosa.

Versare il gelo in stampini antiaderenti bagnati con acqua fredda (se volete sformarlo) oppure in coppette. Lasciarlo raffreddare completamente a temperatura ambiente e quindi conservarlo in frigorifero, coperto con pellicola per alimenti, per tutta la notte. Se volete, potete semplicemente decorare le coppette con un po’ di pistacchio tritato e gustarlo così. Altrimenti proseguite nella lettura e preparate la pasta frolla alla cannella.

Per la base di frolla alla cannella, mettere sul piano da lavoro la farina (00 o di riso), fare un buco nel centro e unire il burro freddo a dadini. Lavorare velocemente con la punta delle dita fino a ottenere tante briciole. Aggiungere il tuorlo, lo zucchero, il pizzico di sale e la cannella e lavorare fino a ottenere un impasto liscio e omogeneo. Appiattirlo e avvolgerlo nella pellicola per alimenti, quindi lasciare riposare in frigorifero per almeno 30 minuti. Stendere l’impasto non troppo sottile e ricavare dei dischi di un diametro maggiore degli stampini dove avete messo il gelo di mandarino. Cuocere a 180 gradi in forno statico preriscaldato per 10 minuti o fino a doratura.

Sformare il gelo di mandarino delicatamente (fategli prendere un po’ di aria passando la lama di un coltello lungo il bordo dello stampino) e adagiare ogni gelo su un biscotto. Guarnire con pistacchi tritati o come preferite e servire immediatamente. Buon appetito!

Altre ricette simili a questa:

Commenta con Facebook

commenti

VAI ALLA RICETTA


Nessun commento...

Inserisci un Commento

Devi effettuare il Login per inserire un commento.

[an error occurred while processing this directive]
[an error occurred while processing this directive]