Brioche feuilletée di Philippe Conticini

brioche feuilletée Philippe Conticini

“Resilienza, un concetto che indica la capacità di far fronte in maniera positiva a eventi traumatici, di riorganizzare positivamente la propria vita dinanzi alle difficoltà, di ricostruirsi restando sensibili alle opportunità positive che la vita offre, senza alienare la propria identità.”

(fonte: wikipedia.org)

 

brioche feuilletée Philippe Conticini

Ho scoperto per caso la parola “resilienza”, vagando tra milioni di parole e immagini che le accompagnavano. Ho sempre pensato che se avessi dovuto cercare una sola parola per descrivermi, non l’avrei trovata, ma se torno indietro, su quel primo click, 9 anni fa, posso dire che è lei, “resilienza” a raccontarmi. Nove anni di città cambiate, di amori sbagliati, di esperienze cominciate per caso e finite nel nulla, di amicizie interrotte e poi rinate. Sono stati 9 anni in cui ad ogni “non ce la faccio” che mi faceva tremare la sera, poggiando la testa sul cuscino, con le coperte fin su i capelli, seguiva un mattino di nuova forza, di sorrisi a volte forzati, ma il più delle volte reali.

brioche feuilletée Philippe Conticini

Sono stati 9 anni in cui ho scoperto quanto si possa essere forti a mostrare le proprie fragilità, a sapersi emozionare, a saperne vivere, di quelle emozioni, a crollare per poi dirsi ancora una volta che ce l’avresti fatta, a saper dire ancora una volta “riproviamoci!”.

Sì, resilienza è la parola che mi descrive, che descrive questi miei primi nove anni tra profumi e pagine bianche.

“Riprovamoci” mi sono detta dopo il primo tentativo di impastare questa brioche. Ho sempre avuto il terrore dei lievitati sfogliati e del loro sgonfiarsi subito dopo averli tirati fuori dal forno. E’ quello che è capitato la prima volta che ho fatto questa brioche, ma invece di rinunciare a riprovarci, ho preso il mio fallimento e l’ho fatto analizzare da chi ha più esperienza di me. I suoi suggerimenti mi hanno aiutata a riuscire, a capire perché fallivo, ed ora vi riporto la ricetta, fiera di aver aggiunto un tassello in più a ciò che ho imparato.

brioche feuilletée Philippe Conticini

BRIOCHE FEUILLETEE PHILIPPE CONTICINI

INGREDIENTI (ricetta di Philippe Conticini, tratta da qui)

510 g farina manitoba

150 ml latte

20 g lievito di birra

50 g zucchero semolato

3 uova

50 g burro a temperatura ambiente

1 cucchiaino di sale

scorza grattugiata di un limone

1 bacca di vaniglia

Per sfogliare 

300 g burro

Per completare

100 g granella di zucchero

 

In una ciotolina, preparate gli aromi mescolando i 50 g di burro con la scorza di limone e i semini della bacca di vaniglia e mettete da parte. Sciogliete il lievito nel latte. Nella ciotola della planetaria, inserite la farina, lo zucchero, le uova, il lievito e il latte e cominciate a mescolare col gancio a uncino, fino ad ottenere un impasto omogeneo. Unite il sale e continuate a mescolare. Infine aggiungete il burro preparato con gli aromi, poco alla volta, facendo attenzione che sia assorbita la quantità precedente, prima di unire quella successiva.

In questa fase l’impasto sarà molto morbido e a fatica si staccherà dalla base della ciotola. Non vi preoccupate e resistete alla tentazione di aggiungere altra farina. L’impasto, una volta lievitato, sarà facilmente manipolabile.

Trasferite l’impasto ottenuto in una ciotola, sigillatela con la pellicola trasparente e lasciate lievitare fino al raddoppio.

Mettete i 300 g di burro per sfogliare tra due fogli di carta da forno (vi suggerisco di guardare il passo passo della ricetta di Maryse, dove i passaggi sono ben spiegati con le foto) e stendeteli in un rettangolo di 20×25 cm. Lasciate il burro fuori dal frigo il tempo della lievitazione dell’impasto. Ci vorrà circa 1 ora – 1 ora e 1/2 per la lievitazione e in quel tempo il rettangolo di burro sarà sufficientemente morbido per procedere alla laminatura.

Appena l’impasto sarà lievitato, disponetelo su un piano da lavoro e impastatelo per eliminare il gas. Stendete un velo di farina sul piano e stendete l’impasto in un rettangolo di 45×25 cm. Disponete al centro il rettangolo di burro e piegate i due lembi di pasta verso il centro. Sigillate i bordi, evitando di accavallarli, e cominciate a stendere l’impasto, allungandolo verso l’alto. Piegate a 3 e lasciate riposare 30 minuti in frigo.

Procedete ad altre due pieghe a tre, intervallandole con altrettanti riposi. Alla fine, stendete nuovamente l’impasto in un rettangolo. Cospargete la superficie con i granelli di zucchero, lasciando libero 1 cm dal bordo, e arrotolate. Spennellate il bordo con tuorlo d’uovo e chiudete. Ricavate dal rotolo d’impasto delle girelle di 4 cm. Disponetele in una teglia imburrata, lasciando un po’ di distanza tra loro, oppure in pirottini monoporzione. Lasciate lievitare fino al raddoppio.

Riscaldate il forno a 170°C. Spennellate la superficie della brioche con del tuorlo d’uovo o del latte. Cuocete la brioche per circa 50 minuti. A 5 minuti dalla fine, aprite leggermente il forno per far uscire l’umidità e permettere alla brioche di asciugarsi.

Controllate che la superficie e i bordi siano ben dorati, per evitare che dopo aver tolto la brioche dal forno, possa crollare. 

brioche feuilletée Philippe Conticini

 

 

 

 

L’articolo Brioche feuilletée di Philippe Conticini sembra essere il primo su Fairies kitchen – La cucina delle fate.

Altre ricette simili a questa:

VAI ALLA RICETTA


Nessun commento...

Inserisci un Commento

Devi effettuare il Login per inserire un commento.