Mangio zero waste: un lunch box per il pranzo

Davo per scontato di avere già un animo eco friendly ma dopo aver letto tutti gli articoli scritti dalle blogger coinvolte nel progetto accennato qui mi sono accorta che in realtà tanti piccoli “errori” li stavo commettendo anche io. Errore forse è un termine sbagliato, diciamo che mi sono accorta che avrei potuto modificare alcune mie abitudini alimentari in favore di scelte più eco-sostenibili.

I crackers ad esempio, assieme alla frutta sono uno spuntino che spesso faccio con Annika, Cristina mi ha fatto notare come l’involucro di plastica di ogni pacchetto sia una delle più grandi fonti di inquinamento! Qualche sera fa, senza nessuna pianificazione, ho impastato e cotto dei crackers casalinghi, lievitazione velocissima e un intero contenitore riempito, scorta fatta per almeno una settimana… e ora son qua a chiedermi come abbia fatto a non pensarci prima! Lo stesso per lo yogurt, ho fatto la solita spesa e ho fatto scorta del mio Vipiteno intero e…caspita, vasetto da 500ml in plastica! Nell’attesa di acquistare marchi in vetro mi sono comprata del latte fresco e autoprodurrò anche quello.

Se non sapete da dove partire potrebbe essere utile analizzare i vostri sacchi della raccolta della plastica, se notate tanti involucri di frutta e verdura confezionati potrebbe essere di grande aiuto iniziare ad acquistare lo sfuso pesando tutto nei sacchettini biodegradabili del reparto ortofrutticolo, ci mettete una decina di minuti in più rispetto al prendere il “già pesato” ma risparmiate denaro  e rifiuti, fate una prova e a fine settimana osservate il cassonetto della plastica, potreste già notare un calo di produzione di rifiuti!

Oggi vi propongo un lunch box che ammicca alla Primavera, un cake salato senza glutine con ceci e spinacini ( lo potete usare come base per sandwich o tostato come una bruschetta, lo potete surgelare a fette…), uova sode ( acquistatele bio e in contenitori di carta ), una manciata di crackers homemade e frutta, le utlime arance rosse e i primi frutti di bosco.

Ingredienti (per il cake)

180 g farina senza glutine (non usate mix pronti ma create voi la vostra farina miscelando farina di riso, grano saraceno, miglio…)
3 uova
100 ml di latteo e rifiuti, fate una prova e a fine settimana osservate il cassonetto della plastica, potreste già notare un calo di produzione di rifiuti!
100 ml di olio di semi di girasole
100 g di grana grattugiato
50 g di spinaci freschi
100 g di ceci scolati
1 bustina di lievito per torte salate
20 g di curry in polvere
1 cucchiaino di sale
pepe qb
30 g di semi di zucca per decorare

Preriscaldare il forno a 180° C statico.

In una capiente ciotola sbattete le uova con il grana, il sale, il pepe, l’olio ed il latte.
Quando il composto sarà ben amalgamato unire il curry e la farina setacciata con il lievito. Mescolate con cura e unire i ceci ben scolati e gli spinaci freschi tagliati a striscioline.

Mescolate il tutto e mettete l’impasto in uno stampo da plumcake precedentemente rivestito di carta da forno bagnata e strizzata. Decorate con i semi di zucca ed infornate per circa 50 minuti, verificate la cottura con uno stecchino.

Ingredienti ( per i cracker)

400g di farina integrale
100g di farina di grano sareaceno
200-250ml di acqua
7g di lievito di birra liofilizzato
30g di miele
90ml do olio extravergine
12g di sale

olio e sale per spennellare

Impastate tutti gli ingredienti e lasciar lievitare fino al raddoppio. Stendete la pasta col mattarello sino ad ottenere una sfoglia sottile di 2 mm circa e ritagliate i crackers, spennellateli con olio e sale e disponeteli su delle teglie ricoperte da carta da forno.

Pre-riscaldate il forno a 180°C ventilato e cuocete i cracker sino a doratura, circa 20 minuti.

Conservate i crackers lontano da aria e umidità.

 

 

 

Altre ricette simili a questa:

VAI ALLA RICETTA


Nessun commento...

Inserisci un Commento

Devi effettuare il Login per inserire un commento.