Polpettology – storia, filosofia e ricette della polpetta

Ehi lo sai? no, cosa? è stato scritto un libro sul tuo comfort food preferito!!!  La polpetta? sì! 


Inizia così la scoperta di questo libro sul cibo più amato al mondo, potrebbe diventare il nostro piatto nazionale. E’ quanto sostengono le autrici del libro “Polpettology” storia, filosofia e ricette della polpetta” edito da #Manni. Ma chi ha inventato la Polpetta? “Non è stata la nonna – spiega Daniela Brancati che ha scritto il libro con Daniela Carlà – perché in realtà le polpette milanesi hanno origini arabe. Quando gli spagnoli occuparono Milano, portarono le polpette che a loro volta avevano assimilato dagli arabi quando avevano invaso i loro territori.

E proprio sul filo dell’ironia giocano tutti i contenuti del libro. Alla domanda se la polpetta è global, la risposta è allo stesso tempo seria, ma con tono ironico. E’ infatti global o glocal come dicono le autrici perché non esiste posto al mondo dove non si faccia, ma allo stesso tempo è local perché ciascuno la fa come vuole , seguendo la ricetta della propria nonna. Ma aldilà della sua storia e ricca tradizione, la polpetta è diventata negli ultimi tempi trendy e chic. Insomma, rispetto ad altri cibi, ora va di gran moda e assistiamo “alla riscossa della polpetta”. 


Tra i suoi punti di forza:
si presta alla convivialità e si sposa con la nuova politica del riciclo perchè mescolando i vari ingredienti non si butta niente e il giorno dopo è ancora più buona;
 _ è artigianale perché lavorata pezzo per pezzo, è una coccola, è comoda come una pantofola, familiare come la voce della ninna nanna, non è aggressiva, non è possessiva ed esiste persino la polpetta di Bavaria, come ci  racconta un altro simbolo italiano che si chiama Fantozzi!

Il libro è un viaggio alla scoperta di questa (permettetemelo) meraviglia gastronomica perché: 

_ Al solo menzionarla tutti rizzano le antenne;

_ Esiste addirittura una figura nel #Presepe Napoletano “la polpettara avvelenatricce” (a proposito amici Napoletani ne vorrei una…me la merito) ;

_Dobbiamo ricordarci che gli altri piatti esistono la polpetta…EVOCA! 

Poi scusate…tutti abbiamo letto i Promessi Sposi di Alessandro Manzoni….ma voi lo sapete che era ghiottissimo di polpette? Pare che sua madre Giulia Beccaria gliele preparasse tutti i giorni e che lui pur lamentandosi per il menù poco vario le buttasse giù con dell’ottimo vino di cui era estimatore ;o)


non si nasce polpetta, lo si diventa! 



Altre ricette simili a questa:

VAI ALLA RICETTA


Nessun commento...

Inserisci un Commento

Devi effettuare il Login per inserire un commento.