Brioche siciliana per granita e gelato

La prima colazione estiva, in questo lembo di Sicilia orientale, la vede protagonista insieme ad un buon gelato artigianale che la farcisce o tuffata in una deliziosa granita: è la brioche col tuppo, come la chiamano a Catania. Ormai si può gustare a qualsiasi ora del giorno in qualsiasi bar o chiosco o carrettino dei gelati: è inconfondibile e nello stesso tempo inimitabile.

Oggi vi propongo la ricetta che utilizza il lievito madre: prendetene 150 g, rinfrescato il giorno prima con farina manitoba, scioglietelo con 250 ml di latte nella planetaria.

Aggiungete 100 g di zucchero, un cucchiaio di miele, 1 uovo intero, 125 g di burro sciolto, un pizzico di sale, buccia grattugiata di arancia o limone.

Unite infine 300 g di farina manitoba e 200 g di farina 00, fate lavorare la macchina fino a quando l’impasto si incorda al gancio.

Mettete l’impasto ottenuto a lievitare fino a quando aumenta di volume ( il mio ci ha messo 4 ore).

Riprendete l’impasto e dividetelo in 8 porzioni uguali; da ogni pezzo staccatene uno piccolino che formerà il “tuppo”; formate con le mani una palla e posizionatela su una teglia rivestita di carta da forno. Con l’indice fate un incavo al centro e posizionate la pallina piccola. Mettete le brioches a lievitare dentro il forno spento con la luce accesa: dovranno raddoppiare di volume ( le mie hanno impiegato altre 4 ore).

Eccole belle lievitate.

Le ho spennellate con latte zuccherato, oppure si può usare un tuorlo diluito con un po’ di latte. Infornare a 180° per 20 minuti.

Eccole, fragranti, morbidissime, profumate!
Una bella nevicata di zucchero a velo, se vi piace, e… buona colazione!
Un consiglio: impastatele la sera prima, così la mattina saranno pronte per essere infornate e mangiate insieme ad un’ottima granita oppure farcite di marmellata o crema al cioccolato.

Altre ricette simili a questa:

VAI ALLA RICETTA


Nessun commento...

Inserisci un Commento

Devi effettuare il Login per inserire un commento.