Baccalà alla vicentina

Il baccalà alla vicentina è un secondo piatto a base di pesce, tipico della provincia di Vicenza, gustoso e conosciuto in tutto il mondo per la sua semplicità il suo sapore eccellente, capace di conquistare sempre tutti. La ricetta è molto antica e non vi nascondo che da molto tempo ero curiosa di prepararla per capire che sapore potesse avere il pesce cotto nel latte!

Ed eccoci qui, come si suol dire cotto e mangiato e devo dire che mi è anche piaciuto moltissimo! Non mi sarei mai aspettata un sapore così delicato e cremoso. Vi dirò, ne ho preparato anche poco per quanto era buono. Poi è il caso di dire che abbinato alla polenta grigliata fa davvero una bellissima figura.

Insomma, devo dire che come piatto mi ha letteralmente conquistata e sono sicura che conquisterà anche voi! Curiosi di scoprire la ricetta della mai nuova bontà? Seguitemi!

baccalà alla vicentina
  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    30 minuti
  • Cottura:
    4 ore
  • Porzioni:
    Per 4 persone
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • 600 g Baccalà
  • 300 ml Latte
  • 2 Cipolle bianche
  • 2 Sarde sotto sale
  • 30 g Parmigiano
  • 250 ml Olio extravergine d’oliva
  • q.b. Farina 00
  • q.b. Sale
  • q.b. Pepe
  • q.b. Prezzemolo

Preparazione

  1. Prima di iniziare a preparare il baccalà alla vicentina, è necessario mettere in ammollo il pesce in una ciotola capiente e tenerlo in questo modo per circa 4 giorni, ricordando di cambiare l’acqua 2-3 volte al giorno. Il pesce dovrà essere ben morbido. Dopo aver eseguito quest’operazione, prendete il pesce e scolatelo bene, quindi eliminate la pelle e le eventuali lische.

  2. Tagliatelo in modo da ricavare dei piccoli tranci e infarinatelo leggermente su tutti i lati. Mettete il pesce da parte e prendete le cipolle, quindi pulitele e tritatele. Fate la stessa cosa con il prezzemolo, quindi lavatelo, asciugatelo bene con un canovaccio e tritatelo finemente.

  3. In un tegame capiente versate circa un terzo di olio extravergine d’oliva, quindi unite la cipolla tritata e fatela soffriggere per circa 10 minuti a fuoco medio. Mescolatela spesso in modo da farla dorare senza farla bruciare. Sciacquate le sarde sotto l’acqua corrente in modo da eliminare il sale in eccesso e unitele al soffritto insieme al prezzemolo tritato.

  4. A questo punto unite anche i pezzi di baccalà infarinati, quindi abbassate la fiamma e unite il latte, l’olio extravergine d’oliva rimanente e il parmigiano reggiano grattugiato. Regolate di sale e pepe e lasciate cuocere il tutto a fuoco bassissimo per circa 4 ore. Di tanto in tanto mescolate il tutto senza toccare il pesce con alcun tipo di utensile, ma semplicemente roteando il tegame.

  5. Trascorso il tempo di cottura, spegnete il fuoco e servite il baccalà alla vicentina ben caldo in tavola, accompagnato da qualche bastoncino di polenta grigliata.

  6. baccalà alla vicentina

I consigli di Franci

  • Il baccalà alla vicentina si conserve in frigorifero ben chiuso in un contenitore ermetico per 2-3 giorni al massimo.
  • Si sconsiglia la congelazione.
  • Al posto della polenta grigliata potrete preparare dei crostini di polenta che sono altrettanto ottimi per accompagnare questo piatto!

Torna alla HOME PAGE

Se vuoi rimanere sempre aggiornato sulle nuove ricette, clicca mi piace alla mia pagina FACEBOOK

Altre ricette simili a questa:

VAI ALLA RICETTA


Nessun commento...

Inserisci un Commento

Devi effettuare il Login per inserire un commento.