Torta di fichi di Albarola

Eccoci  a settembre e con l’inizio del mese riprende la rubrica sulle ricette regionali L’Italia nel piatto, questa uscita tratterà della frutta settembrina.
L’Italia è un paese ricco di tanti prodotti ortofrutticoli, grazie al clima e al terreno, molti non li conosciamo proprio, occasione buona questa per imparare qualcosa di nuovo!

L’Emilia Romagna vi presenta una torta deliziosa, che viene preparata sulle colline piacentine, in Val Nure.
I fichi sono stati portati qui dai Gesuiti, al ritorno dai loro viaggi di evangelizzazione in terre lontane, e in questa valle hanno attecchito, trovando le condizioni ideali per crescere e fruttificare.
Dopo alcuni anni la produzione divenne così abbondante da dover trovare un modo come conservare e/o consumare questi frutti. Si iniziò così ad essiccarli,sia al sole che al forno, nacque proprio in quel periodo la ricetta della famosa torta.
Fu il primo prodotto De.Co. del piacentino, e tutto questo grazie al comune di Vigolzone, alla Camera di Commercio di Piacenza si trova registrata e depositata la ricetta codificata (qui), a cui ci si deve attenere nel momento in cui di utilizza il marchio.
Esiste pure un logo originale della Torta di Fichi De.Co. di Albarola che è opera dell’artista e illustratore vigolzonese Andrea Rossi.
Questa mia ricetta come potete vedere è molto simile a quella depositata, mi è stata rivelata da una anziana conoscente che vive in quel paesino, ed ammetto che ho anche fatto qualche leggera modifica alla frolla, ma non ditelo a nessuno! ;)
Ho servito questo delizioso dolcetto con una ganache al cioccolato fondente e devo dire che ci sta a meraviglia, ma solo se siete dei golosoni!

Ingredienti
300g di farina 00
130g di zucchero a velo
130g di burro a pomata
1 uovo intero
2 tuorli
100g di mandorle
10-12 fichi

Ganache di cioccolato fondente
50g di panna
50g di ciocco fondente al 70%

Impastare velocemente il burro con la farina, unire poi lo zucchero a velo e le uova sbattute.

Avvolgere in una pellicola e mettere in frigorifero per alemno 1 ora (il composto è molto morbido).

Riprendere l’impasto e foderare con una sfoglia alta circa 0,5cm una teglia apribile di 22cm di diametro.

Tritare grossolanamente le mandorle e cospargere il fondo della torta.
Pulire con una pezzuolina pulita i fichi e affettarli (possono essere a spicchi o a fette tondeggianti, come preferite!); disporli sulla superficie.

Cuocere in forno già caldo a 180°C per 30 minuti circa, controllate che i fichi in superficie si asciughino senza bruciare (la mia funzione del forno era per torte lievitate, cioè il calore proviene dal basso).

Lasciare raffreddare.


Consiglio:

servire con la ganache di cioccolato fondente.
Scaldare la panna sul fuoco a circa 60°C, unire il cioccolato a tocchetti, mescolare bene fino a quando risulta ben sciolto e la crema è omogenea (si conserva a temperatura ambiente anche per 24 ore …tanto di più non dura!).

Ecco le ricette delle altre regioni d’Italia:

Piemonte: Persi Pien (pesche ripiene)

Liguria: Prescinseua con mirtilli

Lombardia: La Torta Bertolina 

Veneto: Sugoli, i budini antichi con il mosto d’uva

Emilia Romagna: La torta di fichi di Albarola 

Toscana: Schiacciata con i fichi 

Umbria: I fichi secchi

Abruzzo: Confettura di pesche

Campania: Biscotti caffè e nocciole

Puglia: Uva sotto spirito

Calabria:   Fichi sciroppati 

Sicilia:  Charlotte al Mascarpone con Pesche del Mojo e un tuffo nelle Gole dell’Alcantara

Sardegna: Mele Miali in sciroppo di Moscadeddu della Romangia  

Altre ricette simili a questa:

VAI ALLA RICETTA


Nessun commento...

Inserisci un Commento

Devi effettuare il Login per inserire un commento.