FOOD BLOGGER: barbara froio

Vivo in una meravigliosa cittadina sul mar Ionio dove l' inverno è sempre primavera. Ho un marito molto sportivo e quattro bei ragazzi. Non sapevo nemmeno cuocere un uovo al tegamino, adesso la cucina è la mia grande passione.

Gli ultimi post di barbara froio

Hamburgher di melanzane

In questa stagione la mia cucina è monotematica, melanzane e solo melanzane. Non me ne vogliate ma le amo alla follia e di conseguenza le cucino in tutte le salse. Gli hamburgher sono un secondo piatto davvero sfizioso, facile e veloce da preparare. Pochissimi ingredienti e tanti aromi mediterranei per soddisfare anche il palato più esigente. Continua a leggere..

Continua a leggere..

Brodaccio

Letteralmente dispregiativo di brodo e sicuramente le nostre nonne lo chiamavano così per distinguerlo dal suo parente più ricco, il brodo di carne. Mia mamma  preparava spesso questa pietanza povera e salutare in inverno, serviva per regalarci un pò di tepore. Per farlo utilizzava le verdure dell’orto: patate, carote, cipollotto, zucchine, sedano , pomodori maturi Continua a leggere..

Continua a leggere..

" Vajaneddi " al pomodoro

Ogni volta che mia mamma portava in tavola i ” vajaneddi “, con o senza pomodoro, storcevo il muso e allontanavo il piatto. Ignorati per decenni , in età adulta li ho riscoperti e rivalutati. Non soltanto sono gustosi ma sono  ricchi di acqua, fibre e sali minerali e sono pure un alimento ipocalorico. Non Continua a leggere..

Continua a leggere..

Uova sode alla nduja

Ecco una ricetta facile e veloce, un gustoso antipasto preparato con il nostro insaccato che non teme confronti e per piccantezza e per gusto: la nduja. Come già detto tante volte la nduja si presta a moltissimi usi in cucina, il suo dolce piccante insaporisce tutto. Oggi un abbinamento superlativo, niente maionese o tonno nelle Continua a leggere..

Continua a leggere..

Frittata di pasta

Ecco un classico della cucina mediterranea: la frittata di pasta. E’ un modo soprattutto di riciclare gli avanzi di pasta del giorno prima, non importa che siano al sugo, al pesto o al burro, che siano spaghetti o maccheroni. Quest’abitudine di non gettare via nulla l’abbiamo ereditata dalle nostre nonne, bravissime nell’ottenere dai resti di Continua a leggere..

Continua a leggere..

Sagra della nduja di Spilinga

2 Luglio, l’Italia nel Piatto: Estate con sagre, fiere e mercatiVisto il tema di questo mese mi è sembrato doveroso parlare della nduja, questo prodotto distintivo della cucina calabrese, dal colore rosso vivo, dall’aroma intenso e dal gusto piccante. E appunto per celebrare  questo prodotto della civiltà contadina, nato per necessità e divenuto nel corso Continua a leggere..

Continua a leggere..

Tortino di alici e patate

A casa mia l’estate è all’insegna delle verdure ripiene: in primis melanzane e poi peperoni, zucchine, cipolle e pomodori. Ma c’è anche, se non soprattutto il pesce e intendo il pesce azzurro. Abito in una cittadina di mare, ho la fortuna di trovarlo fresco tutte le mattine, quindi perchè non mangiarlo? Anche perchè sappiamo che Continua a leggere..

Continua a leggere..

Frittata dell’orto

Questa è una di quelle ricette che porto nel cuore, una ricetta che sa di casa, di famiglia e di profumi campestri. Dal nostro mondo contadino eccovi una frittata estiva, semplice, rustica e saporita che conquista il palato di grandi e piccini, che può essere gustata sia calda che fredda e che utilizza pochi e Continua a leggere..

Continua a leggere..

Strudel crema chantilly e fragole

Per noi suveratani è lo strudel, nè rotolo e nè pasta biscotto. Per me ha un significato particolare, era infatti il dolce preferito da mia madre ed uno dei dolci che le veniva sempre bene. Merito sicuramente della meticolosità che ci metteva nel prepararlo. Se il composto non raggiungeva quella consistenza spumosa non smetteva di sbattere Continua a leggere..

Continua a leggere..

Tradizioni e sapori della Calabria: le sarde salate

Negli anni 70/80 girava in questo periodo, per i vicoli del mio paese una donna con il viso raggrinzito e bruciato dal sole, vestita di nero e scalza, che  in testa teneva una cassetta di sarde/alici. La chiamavano Mbatò. E mentre camminava invitava, nel suo dialetto stretto,  le donne a comprare il pesce. Ricordo che l’aspettavano in Continua a leggere..

Continua a leggere..
[an error occurred while processing this directive]

 

[an error occurred while processing this directive]
[an error occurred while processing this directive]
[an error occurred while processing this directive]