FOOD BLOGGER: EatParadeBlog

Gli ultimi post di EatParadeBlog

La sulla, erba spontanea bella e buona.

La sulla è un’erba spontanea di recente scoperta. Molto comune nel bacino mediterraneo, in quanto amante dei climi caldi, se ne hanno notizie solo a partire dal ‘700. Inizialmente utilizzata solo come foraggio per le sue qualità astringenti e disinfettanti dell’apparato gastrointestinale, è nota soprattutto per il miele che deriva dai suoi dolcissimi fiori, molto Continua a leggere..

Continua a leggere..

CalabRolls per l’MTChallenge n. 66

I CalabRolls sono nati da soli, senza nemmeno pensarci troppo. Quando la vincitrice dello scorso MTChallenge Giovanna Lombardi, del blog Gourmandia Chef , ha annunciato il tema dell’MTC n.66, ovvero i rolls, ho avuto una sorta di visione di Fatima, ho udito le voci di Giovanna d’Arco, mi si è accesa la lampadina di Archimede Pitagorico. Non ho Continua a leggere..

Continua a leggere..

Anatra glassata al sapore di bosco

Un petto di anatra con tutti i sapori del bosco. L’anatra non è semplice da trattare, ha sempre un retrogusto leggermente selvatico, e la carne può risultare asciutta, se non è cotta al punto giusto. Ma è proprio quel suo sentore forte ed aromatico che la rende adatta all’abbinamento con i gusti del bosco: dal Continua a leggere..

Continua a leggere..

Mostacciolo ripieno al miele

Il mostacciolo ripieno al miele è un pluriattentato: alla linea, alla glicemia, ai denti. Il Calendario del Cibo Italiano dedica un’intera giornata a questo prezioso ingrediente che è il miele, di cui la Calabria è grando produttrice. Giusto, quindi, dedicarvi questa ricetta. Duro come pietra, dolce e aromatico, irresistibile, era sempre presente nella dispensa di Continua a leggere..

Continua a leggere..

Vitello tonnato di nonna Neta

Il primo “vitello tonnato” della storia, probabilmente non assomigliava nemmeno lontanamente a questo. Il Calendario del cibo italiano dedica anche al vitello tonnato una giornata, raccontandone la nascita, la tradizione e la ricetta originale. Così, per non essere scomunicata, evito di chiamare “vitello tonnato tradizionale” la variante della mia nonnina piemontese… la sostanza non cambia, il gusto Continua a leggere..

Continua a leggere..

Una cena alla cieca ed una bella realtà calabrese

  Metti una sera a cena: fantasia professionalità spirito di collaborazione amicizia sorpresa prodotti d’eccellenza la bravura di cinque, dico CINQUE chef cosa può venire fuori? Una serata indimenticabile, come quella trascorsa presso il Biafora Restaurant di San Giovanni in Fiore (CS), nel cuore del meraviglioso altopiano calabrese della Sila. Cinque chef di CookingSoon, una realtà Continua a leggere..

Continua a leggere..

Made in Italy al 100% – un progetto anti contraffazione

Made in Italy al 100%, ora più che mai! Sapevate che nel 2015 le esportazioni del settore agro-alimentare italiano sono cresciute del 7%? Una ragione in più per sostenere e proteggere la genuinità dei nostri prodotti d’eccellenza, dal momento che i dati dimostrano un preoccupante incremento del fenomeno della contraffazione ed imitazione, soprattutto nei mercati Continua a leggere..

Continua a leggere..

Tasca di vitello ripiena di spinaci e ricotta salata

 Per la tasca ripiena utilizzo lo spinacino. E’ un taglio di seconda scelta, nel quarto posteriore. Di vitello, più tenero, o di manzo, più saporito, è comunque un ottimo piatto, adatto a cottura lenta a bassa temperatura. Io ho utilizzato, ancora una volta, il sistema di cottura sottovuoto Alladin, che ha reso tutto molto più Continua a leggere..

Continua a leggere..

Buccia di patata? Se è silana IGP, la mangiamo!

Quanta buccia di patata si spreca, ogni volta che prepariamo chips, gnocchi, gateaux e tortini? In Sila, l’altopiano calabrese delle meraviglie, crescono patate talmente buone, che buttar via la buccia è un vero sacrilegio. Così, si è trovato il modo di utilizzare anche questi scarti. Per cominciare, vi spiego perché la patata silana è IGP Continua a leggere..

Continua a leggere..

Quadri colorati ripieni di cernia e melanzane

“Cernia e melanzane? Tutto bianco? Triiiiisteeeeeee….” Questo il commento del Doc alla mia idea di ravioli. Potrei farli al nero di seppia. “Nero? tristiiiiissimoooooo….” Sgrunt. Rossi? Gialli? Verdi? “Ecco, falli scozzesi”. Un flah: l’amica Ludovica, proprietaria di un’azienda bio, mi aveva inviato tempo fa delle polveri di peperoni essiccati, da usare come coloranti. Perfetto, in Continua a leggere..

Continua a leggere..