FOOD BLOGGER: Andrea Pagliantini

Gli ultimi post di Andrea Pagliantini

Giornata di degustazione dei vini di Gaiole in Chianti

Sabato 27 ottobre, presso il complesso delle ex cantine Ricasoli di Gaiole, dalle ore 11 alle 19,30,sarà possibile fare una panoramica sull’annata 2016 con il prodotto delle viti che hanno il piede piantato nel comune di Gaiole, per soli 12 € all’ingresso. Dal borro alle altitudini, una rassegna dei climi, delle dolcezze e delle asperità Continua a leggere..

Continua a leggere..

Il Dit’Unto 2018 a Villa a Sesta

Il sindaco di Castelnuovo Berardenga Fabrizio Nepi, inaugura insieme al sindaco di Villa a Sesta Paola Valenti, il sesto villaggio culinario che si appella Dit’Unto. Tante le manifestazioni gastronomiche, forse troppe, che spaziano dalla sagra popolare all’ideologia dei cuochi (chef) da cui pare che dipendano i destini del mondo. Villa a Sesta e il Dit’Unto Continua a leggere..

Continua a leggere..

Salsicce da asporto, Pagliarese e Tenuta Perano 2015

Un’ottobrata di un tepore e di una luce uniche che infiammano le foglie, le tinte, la voglia di star fuori fino all’ultimo schizzo di tramonto. Un braciere inerme, la voglia di accenderlo, un paio di telefonate, raspi secchi, olivo, leccio, ramerino e alloro, fuoco, gratella, qualcosa sopra. Panettone dolce non tipico di Vertine, due bottiglie Continua a leggere..

Continua a leggere..

Il canestrato del caseificio La Fonte di Torre a Castello

Dice la signora che le forme di canestrato da 12/13 kg le danno molto fastidio quando deve rigirarle per la stagionatura e preferisce quelle che pesano sui 5/6 chili perchè oltre a pesare meno, non si portano via una grande quantità di latte che potrebbe essere destinata ad altri formaggi. Il cansestrato viene prodotto solo Continua a leggere..

Continua a leggere..

Il rosè di Montemaggio

A metà fra la tonalità della peonia o il fiore di pesco e la rosa splendente di pioggia al sole, questo rosato di sangiovese non da salasso, nato appositamente da una vendemmia fatta in anticipo nelle digressioni meno abbienti, tenuto in macerazione con le bucce e poi pressato all’ottenimento del colore confacente, merita l’entrata in Continua a leggere..

Continua a leggere..

La leggiadra porchetta e i salumi della Macelleria Pini di Castelnuovo Berardenga

Il giovedi è una giornata speciale, perchè alle prelibatezze da affettatrice, piastra, tegame o brace che il Pini tiene nel bancone, si aggiunge quel cilindro culturale pieno di ramerino, aglio, sale, pepe e forse qualche fogliolina di alloro, che dopo qualche lenta ora di forno, piglia il nome di porchetta. Dalla Corte Costituzionale, fino all’ultimo Continua a leggere..

Continua a leggere..

Pagliarese Chianti Classico 2015

La terra è la stessa, ma non ci sono più le viti anziane allevate a capo e razzolo, mescolate fra loro nella formula ricasoliana, sostituite da nuovi cloni di sangiovese portati a fare strutturalmente meno uva, come non c’è più il clima da cui sono uscite tutta una serie di annate, tutta una serie di Continua a leggere..

Continua a leggere..

Corso per assaggiatori di olio

Nel prossimo mese di febbraio Olivicoltori Toscani Associati organizza un nuovo corso per assaggiatori di olio vergine di oliva. Il corso è ufficiale, autorizzato dalla Regione Toscana secondo le norme comunitarie e nazionali e ha l’obiettivo di verificare l’idoneità fisiologica dei partecipanti per l’assaggio degli oli di oliva vergini. A tutti i partecipanti che avranno Continua a leggere..

Continua a leggere..

Il ciliegiolo di Narni di Leonardo Bussoletti

Centro geografico d’Italia, ma anche pregevole cittadina umbra del lato ternano che ha dato i natali alla solita caterva di vescovi, uomini politici e cardinali, oltre che essere sede di un particolare sito archeologico: un cantiere navale di epoca romana, posto sul corso del fiume Nera. Palazzi, piazze pregevoli, targhe di partiti politici scomparsi affisse Continua a leggere..

Continua a leggere..

Caparsino Riserva 2012, rapi e salsicce

Il buono di Radda a fianco di un piatto plebeo, ma che darebbe parecchi punti alle sbroscie stellate in una competizione fra la sostanza e l’aureola che circonda certi cuochi con la  forte vocazione dei messia. E anche la schietta appartenenza all’esserci e al fare che richiede la terra quando da vini da meraviglia del Continua a leggere..

Continua a leggere..