TAVOLA DI NATALE BRASILIANA – 8: Bolo Rei (Torta del Re)

La “Torta del Re” è una pasta lievitata dolce a forma di corona “intarsiata” di frutta candita e secca, che simboleggia i doni offerti dai Re Magi: la crosta della torta l’oro, la frutta la mirra e l’aroma l’incenso. La tradizione vuole che all’interno dell’impasto sia messa una fava (reminiscenza dei banchetti Saturnali Romani) e/o un piccolo dono (o una moneta). Chi trova la fava deve portare la “Torta del Re” il prossimo anno, ma sarà anche tanto fortunato.
Erede di una tradizione iniziata in epoca Romana, il “Gâteau des Rois” ha fatto la sua prima apparizione in Francia, alla corte di Luigi XIV, durante le celebrazioni del Capodanno e dell’Epifania. Il “gâteau” si è diffuso velocemente in tutto il paese, sono state create molte varianti e, quando la sua produzione è stata vietata nel periodo subito dopo la Rivoluzione Francese, è stato rinominato “Gâteau des sans-culottes”. All’incirca nel 1869 la ricetta tipica del sud della Loira è stata introdotta in Portogallo nella “Confeitaria Nacional de Lisboa”, diventando una tradizione del periodo Natalizio e dell’Epifania. (Fonte: Cozinha Tradicional Portuguesa, Maria de Lourdes Modesto, Editorial Verbo,1986)
La “Torta del Re” appartiene alla tradizione dolciaria portata in Brasile dai portoghesi, e viene preparata durante le feste di Natale e Capodanno.

Receita em portuguêsEnglish-language version recipe

Ingredienti

Per il lievito base:
• 25 g di lievito di birra
• 50 ml di latte tiepido
• 1 cucchiaio di zucchero
• 50 g di farina 00

Per l’impasto:
• 350 g di farina 00, all’incirca
• 75 g di burro
• 75 g di zucchero
• ½ cucchiaino di sale
• ½ cucchiaino di buccia grattugiata di limone
• 1 cucchiaino di buccia grattugiata di arancia
• 3 uova piccole (150 g)
• 1 bicchierino di Porto (50 ml)
• 100 g di frutta candita a cubetti
• 50 g di uvetta
• 50 g di frutta secca tritata
• 1 fava, facoltativa

Per rifinire:
• 1 tuorlo
• 1 cucchiaio di olio di oliva
• 50 g di frutta secca
• 250 g di frutta candita intera
• granella di zucchero

Procedimento
1. Sciogliere il lievito nel latte tiepido, aggiungere lo zucchero e la farina, mescolare bene e lasciar riposare in luogo tiepido e al riparo da correnti d’aria.
2. Mettere in ammollo nel Porto la frutta candita a cubetti e l’uvetta.
3. Quando il “lievito base” ha raddoppiato di volume aggiungere gli ingredienti per l’impasto, meno la frutta. Lavorare bene e lasciar riposare in luogo tiepido e al riparo da correnti d’aria.
4. Quando l’impasto ha raddoppiato di volume unire la frutta mescolando con una spatola, senza lavorare troppo – è un impasto “appiccicoso”.
5. Formare una ciambella su una teglia Ø 24 cm. Oliare un piccolo stampo e adagiarlo al centro della “ciambella”. Lasciar crescere ancora, finché non ha raddoppiato di volume.
6. Sbattere con una forchetta il tuorlo con l’olio e spennellare la “ciambella”.
7. Tagliare la frutta candita intera a spicchi.
8. Con l’aiuto di una forbice o di un coltello affilato fare dei taglietti nell’impasto e inserire nelle cavità la frutta secca intera e la frutta candita a pezzi. Cospargere con la granella di zucchero dove non c’è la frutta. Lasciar crescere per 30 minuti.
9. Cuocere in forno pre-riscaldato a 200°C per circa 30 minuti, finché non diventa ben dorato.

Nota: diventa ancora più buona e soffice preparata con il lievito madre.

Altre ricette simili a questa:

VAI ALLA RICETTA


Nessun commento...

Inserisci un Commento

Devi effettuare il Login per inserire un commento.

[an error occurred while processing this directive]
[an error occurred while processing this directive]