OGGI PARLIAMO DI … IL FRUMENTO


Questa varietà di cereale è suddivisa in due sottospecie: il grano tenero, originario del Medio Oriente e da cui si ricava la farina, e il grano duro, che proviene dall’Africa Centrale e da cui si ottiene la semola.



La diffusione di entrambi i prodotti avviene in Europa attorno all’anno 6000 A.C. 
Per il ruolo centrale che ha nell’alimentazione, per il profilo nutrizionale e  per la facilità di conservazione e di trasporto, il frumento ha il primato mondiale per  quantità di produzione tra tutti i cereali.

Il frutto del frumento, detto impropriamente seme, si chiama *cariosside. 
Dalla molitura del grano tenero si ottengono:
Le farine inegrali e le farine tipo 1 e tipo 2 (con un contenuto alto di fibre, vitamine e minerali).
Le farine 0 e 00 con un contenuto alto di proteine e di amido.

Dalla molitura del grano duro si ottiene invece  la semola.

Per quel che riguarda gli usi della farina e della semola si può affermare che la prima è più comunemente utilizzata nei processi di panificazione, mentre la seconda, grazie al suo alto contenuto di glutine, viene impiegata di più nella produzione di pasta.

Fare chiarezza su questo argomento ci permetterà di prendere decisioni più consapevoli quando dovremo preparare una buona torta o un’eccellente pasta fatta in casa.  

Per ottenere una pasta di qualità volendo utilizzare farina di grano tenero sarà necessaria l’aggiunta di un’altra proteina, come quella presente nelle uova, per sopperire alla mancanza di glutine.

Non perdetevi le nostre prossime pubblicazioni sugli altri cereali e le loro origini, le loro proprietà e i loro utilizzi.



Altre ricette simili a questa:


Nessun commento...

Inserisci un Commento

Devi effettuare il Login per inserire un commento.

[an error occurred while processing this directive]
[an error occurred while processing this directive]