La lentezza è un piatto di noodles con pollo e verdure

Da qualche tempo ho riscoperto il gusto della lentezza… Fino a qualche anno fa, facevo tutto sempre di corsa, con un’energia che a volte era fuori luogo, cercando di fare di tutto e di più e se alla fine non ci riuscivo mi sentivo imperfetta. Poi gli anni e una nuova consapevolezza mi hanno portata ad amare la lentezza. Per chi non è abituato ed è sempre frenetico e di corsa non è una cosa facile, ma io ora non ne posso più fare a meno. Lentezza è uscire la mattina con qualche minuto di anticipo per andare in ufficio a piedi, godere delle persone che si incontrano, dei bambini che frequentano il piedi bus, delle mamme affrante che devono lasciare i piccoli al nido, delle due signore anziane che ogni mattina mi chiedono le stesse cose ed io rispondo sempre alla stessa maniera. Lentezza è la domenica sera, quando sai che lei scrive il suo post settimanale e riuscire a leggerlo con calma, gustando il sapore delle sue parole… Lentezza in una giornata frenetica, è riuscire a farsi una doccia con calma, assaporando quel doccia schiuma ai frutti di bosco che hai comperato qualche settimana fa… Lentezza è riuscire, al rientro dall’ufficio e con tutta la casa da sistemare, a sfogliare per quei 10 minuti preziosi il libro della tua amica Marianna che stavi aspettando con ansia… Lentezza è rientrare alla sera dopo aver corso tutto il giorno per la spesa, per il taxinaggio ai figli, per i tuoi genitori che hanno bisogno di te, e regalarti un’ora di tempo in cucina per preparare un piatto di noodles caldo e confortante, sapendo che il resto della famiglia sorriderà nel vedere quello che hai cucinato…

Ingredienti per 6 porzioni (abbondanti) di noodles:
200 gr di carote
200 gr di noodles gialli cinesi
250 gr di patate
500 gr di petto di pollo a dadini
1 porro
100 gr di sedano sia il gambo che le foglie
250 gr di cornetti
1 zucchina abbastanza grossa
Olio extra vergine di oliva 4 cucchiai
Zenzero fresco q.b.
Sale e pepe q.b.
Acqua per il brodo
Salsa di ostriche a piacere

Preparazione:

Siete appena rientrati, vi mettete qualcosa di comodo e confortevole,  potete anche mettere un musica di sottofondo e cominciate a pulire tutte le verdure, quando le avrete lavate, tagliatele e a tocchetti piccoli. In una casseruola capiente versate l’olio, le verdure e fatele saltare per qualche minuto, aggiungete l’acqua e fate cuocere per circa 5 minuti. Ora versatevi un bicchiere di vino bianco (spero per voi che non siate astemi, perché è davvero meraviglioso poter godere di questa coccola mentre si cucina), aggiungete il pollo a dadini e lasciate cuocere per 15 minuti. Salate e pepate, se vi piace la salsa di ostriche, per me favolosa perché regala quel tocco orientale che questo piatto deve avere, non salate troppo. Quando la zuppa sarà pronta aggiungete i noodles e fate cuocere (sulla confezione troverete il tempo di cottura). Finite con una “spolverata” di zenzero grattugiato e servite. Gustatevi questi momenti di lentezza, non capitano sempre ma bisogna dare loro la giusta importanza all’interno delle nostre giornate. Servite e godetevi questa cena che vi regalerà leggerezza e l’intimità che solo un piatto preparato con amore ci può regalare…
Ed eccoci alla fine di una settimana, oggi per tutta la mia famiglia è stata una giornata lenta, calma e rilassante, siamo stati in pigiama fin quasi a mezzogiorno, abbiamo fatto i pancake a colazione, un buon tè per alcuni e una tisana per me… Ogni tanto dobbiamo regalarci dei momenti cosi. Ci fanno capire che a volte la lentezza ci regala una nuova visione delle cose, più completa, più ampia e ci permette di respirare a pieni polmoni l’aria della vita… Vi abbraccio con affetto… La prossima ricetta, le lasagne, quelle classiche, cremose con tanta besciamella e tanto ragù, ma ve lo racconto nel prossimo post!

Altre ricette simili a questa:

VAI ALLA RICETTA


Nessun commento...

Inserisci un Commento

Devi effettuare il Login per inserire un commento.

[an error occurred while processing this directive]
[an error occurred while processing this directive]