Crack bread o pane ripieno a scacchiera

Crack bread o pane ripieno a scacchiera, un metodo gustoso e facile per riciclare per il pane…
che ogni tanto una ricetta di riciclo ci vuole proprio.
a voi non  avanza mai il pane? a me sempre.
sono sempre in crisi quando vado a comprarlo. ne compro poco e arrivati a sera dobbiamo lesinarlo.
ne compro tanto e sistematicamente il giorno dopo ci ritroviamo sommersi da filoni e panini.
credo che sia un problema comune in tutte le case italiane, visto che il consumo del pane è molto variabile, dipende da cosa di mangia, se vi sono “inzuppi” o no.
così a venirmi in aiuto questa volta è stata un’idea a metà tra l’italiano e l’americano…
italiana perchè il pane ripieno viene fatto da sempre nel nostro paese.
americana per la scelta dei sapori, l’abbondanza degli ingredienti, soprattutto del formaggio filante, e per il fatto che non sia proprio una ricetta “light”.
avevo visto delle foto in rete di questo crack bread e così, avendo il cassetto del pane stracolmo, mi sono detta “proviamoci!”

Crack bread o pane ripieno a scacchiera

Crack bread o pane ripieno a scacchiera

Crack bread o pane ripieno a scacchiera

Crack bread o pane ripieno a scacchiera

Crack bread o pane ripieno a scacchiera

Crack bread o pane ripieno a scacchiera

Crack bread o pane ripieno a scacchiera

Crack bread o pane ripieno a scacchiera

Crack bread o pane ripieno a scacchiera

Crack bread o pane ripieno a scacchiera

il concetto base del crack bread è il seguente:
ridare vita ad un pane vecchio (ma potete benissimo usarne anche uno fresco!), secco e non più molto “edibile”, ripassandolo in forno e rendendolo appetitoso, con l’aggiunta di vari ingredienti.
l’ingrediente principale è il formaggio, che fondendosi ri-dà vita al pane e lo rende morbido e umido.
si praticano dei tagli a scacchiera lungo il pane, crack significa infatti “crepa, incrinatura, spaccatura, fenditura”, e si riempiono queste crepe con formaggio, pancetta, aromi vari, e poi si infila tutto in forno a cuocere, o forse dovrei dire “a fondere i sapori” visto che non c’è nulla da cuocere, il pane è già cotto!
il  passaggio in forno crea la magia.
il formaggio si scioglie e si intrufola nelle crepe.
il pane diventa croccantissimo fuori e morbidissimo dentro, inondato da un mare formaggioso.
la pancetta diventa fragrante e rilascia il suo grasso sul pane rendendo la crosticinia friabile e saporita.
l’erba aromatica (maggiorana nel mio caso) da quel pizzico di gusto in più.
sono rimasta letteralmente incantata dal crack bread.
un piatto così semplice e veloce da preparare.
e anche così stupido devo ammetterlo.
e povero. ma pieno di dignità. perchè i piatti poveri sono alla base della cucina e meritano tutto il rispetto.
da una piccola pagnotta in via di cestinizzazione ho ottenuto un piccolo universo di sapori esplosivi e consistenze uniche.
da rifare. certamente!

Crack bread o pane ripieno a scacchiera

Crack bread o pane ripieno a scacchiera

Crack bread o pane ripieno a scacchiera

Crack bread o pane ripieno a scacchiera

Crack bread o pane ripieno a scacchiera

Crack bread o pane ripieno a scacchiera

Crack bread o pane ripieno a scacchiera

Crack bread o pane ripieno a scacchiera

Crack bread o pane ripieno a scacchiera

Crack bread o pane ripieno a scacchiera

Ingredienti per il Crack bread o pane ripieno a scacchiera:

  • pane q.b.
  • formaggio filante q.b. (per me asiago, ma va bene anche scamorza, mozzarella, etc)
  • pancetta a dadini q.b.
  • maggiorana q.b. ( o un’altra erba aromatica di vostro piace, anche aglio in polvere se osate!)

Procedimento:

Crack bread o pane ripieno a scacchiera

Crack bread o pane ripieno a scacchiera

Prendere la pagnotta e adagiarla su una placca rivestista di carta forno.
Praticare dei tagli profondi, scacchiera. Stare attenti che i tagli non intacchino la base, devono arrivare fino al cuore della pagnotta, in modo che possa aprirsi come un riccio, ma la base deve rimanere solida.
Aiutandosi con le mani, con delicatezza aprire i quadratini e allargare le fessure.
Tra una fessura e l’altra disporre delle fettine sottili di asiago (o un altro formaggio a scelta) e abbondante pancetta, anche sopra il pane.
Condire con un po’ di maggiorana e chiudere con carta stagnola, giro giro, per tenere la pagnotta compatta.
Mettere in forno per circa 20-25 minuti, o finchè il formaggio non è fuso e dorato, e la pancetta è diventata croccante.Togliere dal forno e consumare subito, con il formaggio bello filante.

 

Altre ricette simili a questa:

VAI ALLA RICETTA


Nessun commento...

Inserisci un Commento

Devi effettuare il Login per inserire un commento.

[an error occurred while processing this directive]
[an error occurred while processing this directive]