Ciorba de burta o zuppa di trippe

Ho avuto il privilegio, ad inizio mese, di visitare la Romania ed in particolare la città di Timisoara. Dico privilegio perchè è una città davvero meravigliosa: molto particolare, piena di angoli pittoreschi, grandi parchi e splendidi palazzi asburgici. Avrebbe bisogno di un restauro generale (cosa che effettivamente stanno facendo), ma già si vede quanto bella doveva essere e quanto bella sarà: alcune piazze sono così splendide che sono andata ad osservarle più e più volte per coglierne ogni dettaglio.

Come sempre all’estero preferisco immergermi del tutto nella cultura altrui, anche dal punto di vista della cucina. Tra i locali che vi consiglio c’è senza dubbio la Fabrica de Bere (ovvero la fabbrica della birra), dove il mio compagno ha mangiato un’ottima zuppa di trippe rumena o, appunto, ciorba de burta.

Arrivati a casa, abbiamo voluto provare a replicare la ricetta. Non posso avere la certezza di proporvi la stessa identica ricetta, ma se ci sono differenze sono davvero minime. Il gusto è reso molto particolare dall’aggiunta della panna, e se vi piacciono le trippe e vi piacciono le zuppe non rimarrete delusi. Se non potete andare a Timisoara, potete almeno portarne un assaggio a tavola!

Ingredienti:

- 700 gr di trippe precotte
- 1 lt di brodo di carne
- 50 ml di panna fresca
- 4 carote
- 6 spicchi d’aglio
- una costa di sedano
- una grossa cipolla
- prezzemolo
- mezzo limone
- olio d’oliva
- un cucchiaino di paprika piccante


Procedimento:

Se potete, fate il brodo da voi partendo da carne da lesso, ossa e aromi (carote, sedano e cipolle). Se non potete, cercate un sostituto di qualità.

Tagliate la trippa a striscioline larghe da mezzo ad un centimetro. Tagliate a dadini regolari il sedano, le carote e la cipolla, quindi fate soffriggere con un filo d’olio in un tegame ampio assieme all’aglio sminuzzato quanto più finemente possibile. Appena le verdure avranno iniziato ad appassire, aggiungete la paprika piccante e le trippe. A fiamma viva, fate andatre per circa cinque minuti e quindi aggiungete un paio di mestoli di brodo. Salate.
Fate cuocere per circa 40 – 50 minuti, a fuoco medio, con il coperchio parzialmente aperto. Vi troverete ad aggiungere più o meno spesso brodo, in base a quanto ne userete di volta in volta, e negli ultimi dieci minuti di cottura regolatevi per ottenere la densità voluta.

Appena prima di spegnere il fuoco unite la panna, mescolate bene e quindi versate anche un mezzo cucchiaio di succo di limone. A fuoco spento, unite anche abbondante prezzemolo.

Servite la zuppa ancora molto calda, con dei crostini di pane (anche se alla Fabrica de Bere hanno portato dei panini al latte molto morbidi).


Consigli:

Una volta tanto, vi suggerisco di non modificare la ricetta. Non credo sia semplice immaginarsi il gusto, le consistenze, i profumi. Provate la mia ricetta così prima, se non siete già esperti di cucina rumena, e poi fatemi sapere (e fate sapere a chi legge) che modifiche apportereste. Io, trovo perfetto l’equilibrio così.

Altre ricette simili a questa:

VAI ALLA RICETTA


Nessun commento...

Inserisci un Commento

Devi effettuare il Login per inserire un commento.

[an error occurred while processing this directive]
[an error occurred while processing this directive]