Buona Pasqua con la pastiera napoletana

È quasi mezzanotte, è la terza serata “nerd Bistrot” che passiamo tra codici html, tutorial e noodles trangugiati davanti ai monitor con la faccia immersa nella ciotola. Questa nuova immagine pancettiana non ci dispiace, ci sentiamo un po’ delle muratrici 2.0 che al posto del panino con la porchetta mangiano i noodles mentre si compiacciono della nuova casetta che pian piano prende forma… Nonostante l’ora, la voglia di trasfercisi subito è così tanta che abbiamo deciso di pubblicare un post notturno che ci ricordi queste serate di risate e “fatica”.
In realtà, queste tre sere in direzione iFood probabilmente sarebbero state molte di più, se non avessimo avuto il fantastico e paziente supporto tecnico del mitico Andrea che ringraziamo (c’è già un cesto di dorayaki per te^^), e dell’efficientissimo gruppo attivo 24 h di admin e colleghe, instancabili e sempre super disponibili! Grazie!
Visto che ancora abbiamo qualche ora di lavoro davanti e necessità di zuccheri, lo spuntino di mezzanotte che vi proponiamo è una fetta di una tradizionale e sostanziosa pastiera napoletana che troneggia nel nostro nuovo soggiorno, pronta per l’assaggio, dopo i tre proverbiali giorni di riposo.
Da umbre, però, più esperte di Ciaramicola, ci siamo affidate ai consigli e alle ricette di due campane d.o.c. : Enrica per quanto riguarda la preziosa ricetta base, affascinate dall’aggiunta della crema pasticcera, e Simona che ci ha conquistate con il suo passo-passo che ha semplificato il lavoro anche a due principianti della pastiera come noi.
Vi consigliamo di andarvi a leggere i loro post arricchiti da mille dritte per quanto riguarda la scelta degli ingredienti (basilare per la riuscita della pastiera perfetta) e per l’approfondimento di tecniche e segreti che si nascondono dietro questa tradizione centenaria.
Inutile dirvi che anche sulla tavola umbra la pastiera ha spopolato, d’altronde Enrica e Simona sono una garanzia :)
Ci piace proprio che questo ingresso nella nuova casa sia stato accompagnato da amiche, e ci piace pensare che sia proprio questo “l’effetto iFood !

Le Pancette vi augurano una Felice Pasqua, dalla nostra nuova casetta addobbata a festa :)

pastiera cover

Pastiera napoletana
 
Tempo di preparazione
4 ore

Tempo di cottura
1 h 45 minuti

Tempo totale
5 ore 45 minuti

 

Autore: Laura & Sara
Recipe type: Dolci
Cucina: Italiana
Porzioni: 10

Ingredienti
  • Per la pasta frolla:
  • 500 g di farina 00
  • 200 g di zucchero semolato
  • 200 g di burro
  • 3 uova intere
  • buccia di limone grattugiata
  • semi di mezza bacca di vaniglia
  • un pizzico di sale
  • Per il ripieno:
  • 500 g di ricotta sgocciolata bene
  • 350 g di zucchero semolato
  • 3 uova da 70 g + 1 tuorlo
  • un barattolo di grano da 580 g già cotto
  • 150 ml di latte
  • 30 g di burro a T° ambiente
  • scorza di 1 limone e di 1 arancia
  • 300 ml di latte
  • 2 tuorli grandi
  • 80 g di zucchero semolato
  • 35 g di farina 00
  • 1 arancia
  • i semi di ½ bacca di vaniglia
  • 1 fialetta piccola di fior d’arancio
  • Scorzette d’arancia candita

Procedimento
  1. Per la frolla: unite in una boule lo zucchero semolato, il burro morbido a pezzetti, il sale, i semi di vaniglia e la scorza di limone grattugiata. Aggiungete l’uovo e impastate velocemente con l’aiuto della planetaria o a mano, unite la farina e mescolate fino ad ottenere un impasto amalgamato bene. Formate un panetto, appiattitelo, avvolgetelo nella pellicola per alimenti e lasciate riposare in frigorifero per almeno 4 ore, potete anche preparare la frolla la sera prima.
  2. Per la crema di ricotta: in una ciotola mescolate bene la ricotta con lo zucchero e tenete in frigo per almeno 2 ore. Dopo il riposo in frigo setacciate la ricotta o frullatela brevemente con il minipimer, unite le 3 uova da 70 g ed il tuorlo sbattuti leggermente.
  3. Per la crema di grano: fate cuocere in una pentola il grano con il latte, il burro e le bucce di limone e dell’arancia per circa 10 minuti girandolo spesso con un cucchiaio, deve diventare come una crema. Una volta freddo togliete le bucce degli agrumi e frullatene un 30% per rendere il composto più cremoso.
  4. Per la crema pasticcera: in una pentola mescolate lo zucchero con i 2 tuorli, aggiungete la farina e mescolate bene, versate a filo il latte tiepido e le scorze di limone, fate cuocere su fiamma bassa girando con un cucchiaio di legno fino a cottura ultimata. Versate la crema in una terrina, coprite con la pellicola alimentare a contatto e fatela raffreddare in frigo per circa 2 ore. Una volta fredda frullatela con il succo di mezza arancia fino a renderla fluida e senza grumi.
  5. Mescolate con una spatola la crema pasticcera con quella di ricotta e quella di grano. Vi servirà una boule molto capiente. Aggiungete la fialetta ai fiori d’arancio, i semi di vaniglia e unite la scorza di arancia grattugiata e le scorzette candite. Fate riposare il ripieno in frigo per circa 2 ore.
  6. A questo punto stendete la frolla sottile (4 mm) e foderate una teglia di 30 cm (o una da 25 cm più una mini pastiera in una teglietta di alluminio più piccola) in alluminio alta 4-5 cm, se trovate quella da pastiera con i bordi svasati meglio, altrimenti va bene anche una a cerniera. Imburratela, versate il ripieno e decorate con 6 strisce di pasta frolla incrociate. Cuocere a metà altezza a 150-160° ( dipende dal forno) per 1 ora e 45 circa, la pastiera è cotta quando diventa color caramello. Potete fare anche la prova stecchino. Gustatela dopo 2-3 giorni di riposo.

Note
La ricotta deve essere sgocciolata in un colino benissimo, meglio tutta la notte in frigorifero.
La pastiera si conserva a lungo grazie allo zucchero e ai canditi, conservatela in luogo fresco e gustatela a temperatura ambiente.
Il ripieno può gonfiarsi durante la cottura, ma dopo si sgonfierà da sola.
Potete cuocere gli ultimi 10 minuti nel ripiano più basso del forno, per essere sicuri che la base sia ben cotta.

3.2.2929

 

pastiera

collage tulipani

easter wreath prova2

Altre ricette simili a questa:

VAI ALLA RICETTA


Nessun commento...

Inserisci un Commento

Devi effettuare il Login per inserire un commento.