"Morsi" di pizza

In un certo senso, è la pizza che mi ha presa a morsi. 
La sfida è stata ai massimi livelli, come la temperatura in cucina del resto. In qualche modo ne sono uscita. Da neofita dell’MTC ho la sensazione che con il passare dei mesi la difficoltà vada crescendo. Sono io che regredisco o cosa?
Il guanto di questo mese è stato lanciato dalla magica Antonietta de “La trappola golosa”, a cui va la mia totale ammirazione per le sue capacità e per la bravura con cui ci ha guidati nel mondo della pizza. 

La sfida N° 58 dell’MTChallenge

Ho preparato l’impasto numero 2, attenendomi per filo e per segno alla ricetta e alla procedura data. Ero perplessa per la ridotta dose di lievito (le mie ricette ne prevedono di più), ma anche curiosa di vedere il risultato. Sono soddisfatta e posso dire di aver imparato molto dalle informazioni date nei vari post dell’MTC e da tutte le partecipanti: ognuna ha aggiunto un po’ di sapere e di esperienza. Grazie!

Un aspetto interessante, di cui non ero consapevole, è la stretta relazione tra spessore dell’impasto steso e consistenza finale del prodotto cotto.  Ho fatto due impasti e li ho cotti a spessori e dimensioni diversi, con o senza condimenti. Nonostante le dosi, i tempi di impasto e quelli di lievitazione siano i medesimi, si ottengono pizze del tutto diverse a seconda di come viene stesa la pasta, a quale spessore, se lasciata bianca come una focaccia o condita con ingredienti prevalentemente grassi. Cambia la morbidezza, la croccantezza, l’alveolatura. Insomma, una sola variabile incide in modo considerevole.  

Ripeto la ricetta anche se è identica a quella data da Antonietta.

450 g di farina 00 (W 280-300, proteine 12,5), 290 ml di acqua, 12 g di sale, 1 g di lievito di birra fresco: Sciogli il lievito in poca acqua e uniscilo alla farina, iniziando ad impastare; aggiungi poco per volta il sale e l’acqua, valutando se utilizzarla tutta a seconda della morbidezza dell’impasto. Trasferisci la pasta sul piano di lavoro e impasta per 10-15 minuti circa, fino ad avere una massa compatta, liscia e morbida alla pressione. Fai lievitare per 1 ora a temperatura ambiente in un luogo tiepido, poi in frigorifero per 10 ore circa. Riporta a temperatura ambiente e lascia lievitare ancora 2 ore. Accendi il forno alla temperatura di 280 °C in modalità statico. Stendi la pasta allargandola con le mani ad uno spessore di 1 cm e adagiala nella teglia precedentemente oliata. Fai lievitare ancora 1 ora.

Inforna la pizza per 15 minuti circa, o fino a quando avrà raggiunto un colore dorato sui bordi.

100 g di coppa bolognese, 150 g di pecorino allo zafferano e pepe nero, pepe nero macinato fresco: estrai la pizza dal forno e cospargila con fette sottili di pecorino, infornala di nuovo per 2 minuti, il tempo necessario a far fondere il formaggio; estrai la teglia, cospargi con le fette di coppa e abbondante pepe macinato. Servi immediatamente.

Altre ricette simili a questa:

VAI ALLA RICETTA


Nessun commento...

Inserisci un Commento

Devi effettuare il Login per inserire un commento.